Responsabilità Medica: il risarcimento del danno



2020-08-26 | 19:27
Autore: Carmela Trotta

La suprema Corte con l’ordinanza n. 13864  chiarisce la responsabilità civile di un medico  ed ha accolto la richiesta al risarcimento del danno, avanzata dagli eredi di una giovane donna deceduta in ospedale . I familiari richiedevano tutti i danni per aver il medico  eseguito in ritardo un parto cesareo. La donna si recava in ospedale, con sintomi simili alla gestosi , ma veniva diagnosticata il giorno successivo e nel medesimo giorno le veniva praticato il parto cesareo di urgenza  e anche un altro intervento ma la ragazza  non riusciva a sopravvivere.  Il medico veniva assolto in sede penale non raggiungendo la prova  che la morte non si sarebbe verificata nel caso di intervento immediato. In altre parole  la morte, anche in presenza di un tempestivo intervento diagnostico, comunque si sarebbe verificata. Ma l’assoluzione in sede penale non determinava di fatto la possibilità di accertare la responsabilità in sede civile . 

Difatti nel processo penale e nel processo civile,  sono diversi i  criteri di prova del nesso causale: nel processo penale  il nesso causale  deve essere provato oltre ogni ragionevole dubbio, in sede civile è sufficiente, il criterio probabilistico   più probabile che non ….

La suprema Corte  precisa come  il criterio probabilistico  non si collega ad una  probabilità assoluta (il 50 + 1% di probabilità), ma relativa, ovvero,qualora si fosse tenuto un corretto comportamento vi era una maggiore probabilità,  che la morte non sarebbe sopraggiunta.  Di seguito parte integrale dell’ordinanza. 


SEDI E RECAPITI

Via Paolo Baratta, 110
84091-Battipaglia
Via F. Corridoni, 4
00195-Roma
0828 304943
06 89012780
SOCIAL