Cambio operatore telefonico e risarcimento del danno



2020-09-18 | 09:18
Autore: Carmela Trotta

CAMBIO OPERATORE E GUASTO ALLA LINEA TELEFONICA

Con l’ordinanza n. 17894/2020 la Suprema Corte si è pronunciata in merito al danno subito da un utente  qualora decida di cambiare gestore e nel caso di un guasto alla linea telefonica.

Si esamina il caso di un soggetto  che titolare di un’utenza fissa    stipula con un nuovo gestore un contratto di utenza  , poi prima che il contratto diviene operativo avvalendosi “della facoltà di ripensamento” recede dal nuovo contratto. La società precedente, non ripristina il servizio, e l’utente non potendo disporre di una linea telefonica si rivolge  al giudice di pace e chiede la condanna al risarcimento del danno. Il giudice di Pace accoglie  la domanda dell’attore e condanna la società al pagamento di un indennizzo per il disservizio.

La società telefonica propone appello e il Tribunale accoglie l’appello ritenendo non risarcibile il danno , non avendo la società telefonica leso alcun diritto fondamentale e costituzionale. Il soggetto privato ricorre in Cassazione.

La Corte rigetta il suo ricorso  ritenendo che il danno non patrimoniale è risarcibile quando il fatto illecito viola un diritto fondamentale della persona, nel caso di specie è evidente che l’uso del telefono non è necessario per la sopravvivenza né limita la libertà, la dignità dell’uomo, in quanto non costituisce la violazione di una libertà costituzionalmente garantita.

 Si può pertanto  concludere nel senso che un guasto alla linea telefonica non lede alcun diritto fondamentale della persona umana.

CERCA NELLE NEWS
CONDIVIDI
NEWSLETTER

Hai apprezzato le nostre notizie? Compila i campi sottostanti ed iscriviti alla nostra newsletter periodica, per essere sempre informato sugli ultimi aggiornamenti!


SEDI E RECAPITI

Via Paolo Baratta, 110
84091-Battipaglia
Via F. Corridoni, 4
00195-Roma
0828 304943
06 89012780
SOCIAL